uilrider

Formazione e riqualificazione professionale dei rider: le proposte della Uil Milano e Lombardia

Il 22 maggio 2018 si è tenuto in Regione Lombardia, l’incontro della Sottocommissione Regionale Politiche del Lavoro e Formazione, alla presenza dell’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania De Nichilo Rizzoli, delle organizzazioni sindacali e delle associazioni datoriali lombarde. Al primo punto all’ordine del giorno, tra i più rilevanti argomenti relativi al mercato del lavoro lombardo, si è affrontato il tema delle professioni digitali e, nello specifico, il caso dei rider della gig economy. Un tema di grandissima attualità, come la cronaca di questi giorni, si è premurata drammaticamente di ricordarci.  L’assessore  ha voluto precisare sull’argomento che si punta, come Regione Lombardia, a creare un sistema di tutele a partire dalla sicurezza sul lavoro per i fattorini delle consegne a domicilio.

uilridercasco

Il tema non era stato posto all’ordine del giorno dei lavori della Sottocommissione, ma era stato preannunciato da un comunicato stampa dell’assessore stessa, evidentemente colpita dalla notizia del grave infortunio accaduto a Milano alcuni giorni fa. La Uil Milano e Lombardia sottolineando l’importanza del tema, visti anche i recenti fatti di cronaca e l’urgenza di trovare soluzioni concrete e partendo dalla considerazione che i lavoratori impattati non hanno una “vocazione professionale”, ma sono costretti dalle proprie condizioni economiche, ha proposto di puntare su politiche di favore e sulla formazione per garantire un percorso di riqualificazione professionale dei rider, considerando che le competenze regionali in tema di lavoro non si spingono fino alla possibilità di costruire una contrattazione tradizionale sui diritti dei lavoratori.

Il Sindacato dei Cittadini

Il Sindacato dei Cittadini

A conclusione di questo punto all’ordine del giorno, l’assessore regionale ha precisato che questo momento di confronto con le parti sociali su questo tema è stato un primo passaggio di ascolto prima di arrivare alla formulazione di una proposta concreta; a questo proposito, l’assessore ha invitato tutti i presenti a fornire ulteriori idee con l’obiettivo di arricchire il documento finale.