health-sanita-digitale-161018171429

No ai tagli alla sanità lombarda

Dopo l’incontro tenutosi in Conferenza Stato Regione, dove è emersa la proposta di tagliare di circa 2 miliardi di euro le risorse del Fondo Sanitario Nazionale, la Uil Milano Lombardia, la Uilp Milano Lombardia e la Fpl Milano Lombardia esprimono forte preoccupazione riguardo alle iniziative che Regione Lombardia dovrà mettere in campo per evitare alterazioni dell’equilibrio di bilancio. L’impatto di un simile taglio sulla nostra Regione sarebbe quantificabile in circa 500 milioni di euro; la Lombardia rappresenta il meglio della Sanità italiana e si colloca in posizione prevalente anche in Europa. Una riduzione dei L.E.A., i Livelli Essenziali di Assistenza, andrebbe ad incidere sui bisogni sanitari dei cittadini lombardi oltre le misure consentite da una normale e garantita attività sanitaria che se ridimensionata potrebbe generare danni alla sicurezza sanitaria e strutturale del sistema.

sanita-lombardia

Occorre quindi invertire la rotta e procedere con politiche di sviluppo e investimenti mirati sul territorio in linea con il programma straordinario degli investimenti da poco citato sia dall’Assessore alla Sanità che dal Presidente della Regione. Il paventato taglio al Fondo Sanitario Nazionale avrebbe conseguenze disastrose in Lombardia; oltre ad abbassare la percentuale del rapporto defict/pil, tra i più bassi dei Paesi dell’occidente Europeo (6,8% del pil  italiano rispetto 8,6% della media Europea), creerebbe i presupposti per accelerare la fine del SSN che a tutti i livelli Istituzionali Europei e mondiali costituisce modello sanitario di riferimento e di esempio.

Il Sindacato dei Cittadini

Il Sindacato dei Cittadini

La UIL si pone in forte contrasto ad interventi depressivi sui bisogni sanitari mirati al recupero delle risorse finalizzate al pareggio di bilancio. L’auspicata riduzione del ticket  per le famiglie bisognose non va abbandonata, come anche l’aiuto attraverso i voucher ai malati speciali, ma deve essere anzi alla base delle politiche sociali ed economiche di Regione Lombardia. Allo stesso modo, lo sblocco del turn-over e la stabilizzazione del personale devono essere garantiti.