Un frame tratto dal Videoappello di Fabiano Antoniani (dj Fabo) al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per EutanaSiaLegale.it pubblicato il 18 gennaio 2017. ANSA/EUTANASIALEGALE.IT  +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

Dj Fabo ha dato un morso alla prigione della sofferenza

Fabiano Antoniani #DjFabo

Ha dato un  morso alla prigione della sofferenza.

Ha strappato la corda dell’impotenza a vivere la propria vita  e ad essere quello che si era configurato nei suoi pensieri.

Ha deciso: con quella determinazione che manca a coloro che dovrebbero prendere atto dei fenomeni e dei desideri della comunità che devono governare. Senza trastullarsi nei propri stereotipi  e pregiudizi ma tenendo conto delle convinzioni, di tutte le convinzioni,  delle donne e degli uomini con norme che non obbligano ma permettono le scelte.

A fronte delle conquiste della scienza (che permettono di riuscire a vivere ma anche spesso solo a sopravvivere), a fronte dei cambiamenti demografici e culturali, si potrebbe accusare il Parlamento di colpevole negligenza perché non  tiene conto che si ampliano le possibilità di scelta individuale.

dj-fabo-597x330

Senza ipocrisie, si dovrebbe indagare sulla tendenza a non curare o a curare male le persone anziane.

A non prevenire le tante malattie congenite con le dovute indagini, il tutto in omaggio ai vincoli di bilancio. Vincoli che non valgono per chi si assume il compito di assistere e curare privatamente e che viene colpevolizzato se entra in crisi per la sovraesposizione al dolore.

Oggi una legge sul testamento biologico sarebbe un passo in avanti per una nazione tristemente moderata come l’Italia . Ma sarebbe  del tutto insufficiente a risolvere anche i  problemi esistenziali profondi di una popolazione a rischio  per incidenti, incidenti sul lavoro, malattie, solitudine  o persino per il “tedium vitae”.

Paesi più avanzati dell’ Italia pensano a soluzioni legislative per chi non ha la possibilità di continuare la propria vita in modo significativo, per chi soffre per la perdita della mobilità e dell’indipendenza,

E’ ora  e necessario riflettere sul fatto che la vita si misura in qualità e non in in quantità.

E che la vita per ogni persona é un diritto e non un obbligo.

Così la pensano molti Italiani.

Ma forse é troppo difficile per il Parlamento.

Clara Lazzarini

UIL Milano e Lombardia